nomine in ruolo

in PERSONALE DELLA SCUOLA

Ufficio Scolastico Regionale per la   Lombardia
  Ufficio
VI
– Personale della scuola

Scorrimento delle graduatorie del concorso ordinario ai fini dell’individuazione degli aventi titolo alla stipula di contratti a tempo indeterminato – A.D. 5 (classi di concorso A345 e A346) convocazione.

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ufficio
X – Bergamo

Scorrimento g.a.e. per nimine a tempo indeterminato su posti di sostegno Legge 128/13

 

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

Sommario:

-     CCNI utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente educativo ed ATA per l’a.s. 2014/15

-     I dipendenti come asset strategico - Intervista su Italia Oggi di M.P.Nigi, Segretario Generale Confsal

-     Agenda incontri

*    CCNI UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE EDUCATIVO ED ATA PER L’A.S. 2014/15

Nella mattinata di oggi si è tenuto al MIUR il previsto incontro, finalizzato alla definizione della ipotesi di CCNI per le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale docente educativo ed ATA per l’a.s. 2014/15. L’Amministrazione era rappresentata dalle Dott.sse Maria Assunta Palermo e Valentina Alonzo.

Nell’incontro di oggi sono stati riesaminati gli articoli del CCNI delle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie a.s. 2013/14 da 8 a 20. È stata, così, conclusa la prima lettura, finalizzata a verificare la validità e l’attualità di quanto già sottoscritto nel precedente CCNI, effettuando i dovuti aggiornamenti normativi e prevedendo le modifiche resesi necessarie, sia per una maggiore chiarezza del testo, sia per raggiungere la finalità di una interpretazione univoca del CCNI su tutto il territorio nazionale. Infatti, alcuni articoli sono stati interpretati in maniera difforme sul territorio, come è stato, del resto, segnalato anche da alcune strutture provinciali del sindacato.

Resta, tutt’ora, accantonato l’art. 6 bis, che sarà discusso nell’ambito di una delle prossime riunioni, già calendarizzate per i giorni 20, 24 e 26 marzo, con l’obiettivo, fortemente perseguito dallo Snals-Confsal e dalle altre OO.SS. e condiviso dall’Amministrazione, di pervenire, possibilmente, alla sottoscrizione della ipotesi di CCNI per l’a.s. 2014/15 in data 26 marzo p.v.. In tal modo, se si riuscisse ad anticiparne di circa due mesi la sottoscrizione, si dovrebbero evitare i ritardi accumulatesi negli anni precedenti, a seguito del successivo lungo iter di esame della ipotesi di CCNI, (ai sensi del D.Lvo 150/09). È prevista, infatti, una prima verifica all’interno del MIUR da parte della Direzione Generale del Bilancio e dall’Ufficio Centrale del Bilancio, e, successivamente, quella congiunta della compatibilità normativa e finanziaria del testo proposto, da parte di Funzione Pubblica e MEF.

Quasi tutti gli articoli esaminati oggi sono stati confermati nella loro interezza. Vi segnaliamo, tra le poche modifiche apportate, quelle riguardanti gli artt. relativi alle precedenze nelle operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria (art. 8 per il personale docente e art. 18 per il personale ATA). In tali articoli sono state effettuate alcune puntualizzazioni per i beneficiari delle precedenze, che saranno tenuti a dichiarare, entro il termine di scadenza di presentazione delle domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria, l’eventuale venir meno della condizione che ha dato titolo alla precedenza.

Ovviamente, tutte le modifiche apportate in prima lettura, saranno certe soltanto all’atto della sottoscrizione della ipotesi di CCNI.

Sarà nostra cura tenervi aggiornati sugli esiti dei successivi incontri, garantendovi il massimo impegno del sindacato, perché le domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria possano essere effettuate dal personale in tempi anticipati rispetto agli aa.ss. passati, in modo da dare certezze al personale e da accelerare tutte le operazioni successive (nomine a t.i., nomine annuali ecc..).

*    I DIPENDENTI COME ASSET STRATEGICO - INTERVISTA SU ITALIA OGGI DI M.P.NIGI, SEGRETARIO GENERALE CONFSAL

Trascriviamo l’intervista rilasciata dal Segretario Generale della Confsal, Marco Paolo Nigi a ITALIA OGGI e pubblicata nell’edizione odierna:

da ITALIA OGGI del 18/03/2014

I dipendenti come asset strategico

In Italia i fondi interprofessionali hanno una funzione strategica nello sviluppo della formazione continua. Si potrebbe dire che siano rimasti gli unici strumenti finanziari concreti grazie ai quali l’imprenditore può programmare, attuare piani formativi senza impegnare risorse proprie. Le organizzazioni sindacali, attive nella gestione dei fondi, non possono che sostenere interventi formativi a favore dei lavoratori, soprattutto quando migliorano capacità produttiva delle aziende, crescita professionale e competenze dei lavoratori. Ce ne parla Marco Paolo Nigi, segretario generale della confederazione autonoma Confsal.

Domanda. Su quali fronti deve agire una buona politica di sostegno alla formazione?

Risposta. Principalmente sudue fronti: sullo sviluppo dellacapacità di progettazione dei percorsiformativi e sulle modalitàdi gestione del ciclo di vita dellaformazione. Nel primo caso, unfondo interprofessionale deve indirizzarele risorse finanziarie versoprogetti capaci di evolversi e di incidere per un tempo che vada oltre il singolo intervento. E qui occorre lavorare sulla formazione dei quadri intermedi e sugli imprenditori stessi affinché sviluppino progetti coerenti con strategie aziendali a lungo periodo. Insomma, la formazione non è solo un investimento, ma è una delle materie prime di cui l’azienda necessita per produrre. Nel secondo caso, il ciclo di vita della formazione non può esaurirsi al termine di ogni percorso formativo. I piani formativi debbono «coprire» i fabbisogni aziendali per almeno un quinquennio così da incidere sulle politiche dì sviluppo e sul consolidamento della produttività.

D. In Italia si è a buon punto nel promuovere la cultura della formazione?

R. Le strategie di Formazienda si stanno rivelando sempre più vicine ai bisogni delle imprese. Main Italia resta ancora molto dafare. La formazione non va vistasolo come un diritto/dovere, macome un’opportunità di crescita ed’investimento personale sia per ildatore di lavoro che la offre sia peril lavoratore che la riceve. In talsenso, chi si forma vince sempre!

*    AGENDA INCONTRI

MIUR - 20 mar., h. 12,00           -    Comparto Scuola: aggiornamento graduatorie ad esaurimento