Concorso DSGA Nomine in ruolo Sanzioni disciplinari

 

CORSO DI PREPARAZIONE

AL CONCORSO DSgA

 

della durata di 35/40 ore,

     con rilascio del titolo ECDL

certificazione di frequenza al corso di formazione

Le iscrizioni dovranno essere inviate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e dovranno contenere i seguenti requisiti:

COGNOME e NOME - INDIRIZZO MAIL – CELLULARE

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

 

L’informativa sugli organici, di oggi al MIUR

Le cifre confermate oggi alle OO. SS.

 

Tutte confermate le cifre sulle assunzioni di docenti ed ATA. Il Ministro ha chiesto al MEF i posti per le assunzioni, a breve conosceremo la distribuzione.

57 mila assunzioni docenti

Sono 57.322 le assunzioni di docenti per l’anno scolastico 2018/2019 richieste dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

13.000 assunzioni sul sostegno

In anteprima abbiamo anche anticipato oggi che dei 57.000 posti destinati ai docenti, circa 13.000 dovrebbero essere assegnati su sostegno.

Come avverranno le assunzioni? Anche da graduatoria concorso 2018

Ai sindacati è stato confermato che le assunzioni avverranno  per il 50% dalle graduatorie ad esaurimento e per il 50% da concorso 2016.

Le graduatorie del concorso 2018 saranno utilizzate nel caso in cui quelle del concorso 2016 dovessero essere esaurite e le graduatorie definitive del nuovo concorso 2018 già pronte, si potrà assumere da queste ultime, sempre nel rispetto dell’aliquota del 50%.

9.838 assunzioni ATA

Il Ministro Marco Bussetti ha firmato l’apposito decreto che è stato inviato al MEF. È prossimo alla formalizzazione, poi, anche il decreto con la richiesta di autorizzazione ad assumere relativa agli ATA (Ausiliari, Tecnici e Amministrativi), per un totale di 9.838 posti.

Assunzione dirigenti scolastici

Partirà lunedì, con la prova preselettiva, anche il concorso da 2.452 posti bandito lo scorso novembre. Nel frattempo, per l’anno scolastico 2018/2019, sarà richiesta l’assunzione di 212 dirigenti dalle graduatorie di precedenti concorsi.

Concorso DSGA

Il Ministro Bussetti sta per inviare, infine, al Ministero per la Pubblica Amministrazione la richiesta a bandire il concorso da 2.004 posti per DSGA, Direttori dei Servizi Generali Amministrativi, atteso da lungo tempo e finalmente sbloccato. Posti che potranno essere incrementati qualora quelli accantonati per mobilità non risultino del tutto utilizzati.

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

Personale ATA – Avviso di pubblicazione graduatorie provvisorie di circolo e di istituto di 3^fascia – DD.MM. 640 – 947

Al link http://bergamo.istruzione.lombardia.gov.it/protbg5396_18/

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

 

DECRETO DI RIGETTO DEL RICORSO EX ART.700 CPC

Respinto il ricorso ex art. 700 c. p. c. , diretto ad ottenere l’ammissione con riserva dello Snals alla contrattazione integrativa ai vari livelli.

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

RIUNIONE ALL’ARAN PER LA SEQUENZA CONTRATTUALE SULLE SANZIONI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DOCENTE

 

In data odierna si è tenuta, tra l’Aran e le organizzazioni sindacali, la prevista riunione di apertura delle trattative concernenti la sequenza contrattuale sulla responsabilità disciplinare, ai sensi dell’articolo 29 del CCNL vigente.

Per l'Aran è intervenuto il dott. Mastrogiuseppe e, in rappresentanza del Miur, il dott. Rocco Pinneri; per la delegazione Snals-Confsal erano presenti il Segretario Generale Elvira Serafini, il Vicesegretario Vicario Irene Tempera ed il Componente di Segreteria Antonio Albano

Il Segretario Serafini ha sottolineato che l'impegno dello Snals-Confsal è quello di riportare la materia disciplinare nella contrattazione, nel rispetto del codice civile e della legge n. 300/70, senza alcuna incursione legislativa che possa limitarla e depotenziarla. Per lo Snals-Confsal non è rassicurante la definizione della tipologia delle infrazioni disciplinari e delle relative sanzioni, come è previsto dal D.lgs 165/2001. Infatti, secondo lo Snals-Confsal, la maggior tutela per il lavoratore può realizzarsi unicamente con lo strumento contrattuale. Inoltre, il Segretario generale ha ribadito che è necessario fare chiarezza sulla normativa che negli ultimi anni ha subito un susseguirsi di modifiche. Occorre, invece, riportare all'interno del CCNL, al fine di armonizzarla, tutta la materia disciplinare prevista dal D.lgs. 297/94, dal D.lgs. 165/2001, dal decreto Brunetta 150/09 dal D.lgs. 75/17, circ. Miur 88/10, circ. Funz. Pubblica 9/09.

L’amministrazione ha preso atto dei rilievi posti dallo Snals e dalle altre OO.SS. e ha concluso l’incontro rilevando che il tavolo negoziale non può cambiare il D.lgs. 165/01 e ricordando, altresì, che nelle materie relative alle sanzioni disciplinari la contrattazione collettiva è consentita nei limiti delle norme di legge.

Anche le altre OO.SS. hanno manifestato molte perplessità e rilievi su questa materia.

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

 

INCONTRO CERTIFICAZIONE CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

In data 17 luglio 2018, alle ore 10, presso la sede del Ministero di Viale Trastevere si è svolto l’incontro sulla certificazione contributi previdenziali con il Capo di Gabinetto Cons. Giuseppe Chinè e i responsabili dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Scopo dell’incontro è stato quello di fare il punto sulla situazione delle richieste di pensionamento per l’anno in corso e le relative certificazioni dei contributi previdenziali da parte dell’INPS. Ad inizio seduta il dott. Chinè ha comunicato che le domande di pensione presentate quest’anno, a livello nazionale, ammontano a circa 42.000, mentre lo scorso anno sono state circa 28.000 con un incremento attuale del 30% delle verifiche di certificazione dei contributi previdenziali. Ad oggi sono state evase 36.000 certificazioni positive. Ha ribadito, inoltre, che le pratiche ancora da verificare da parte dell’Ente si aggirano intorno al 10,99%, mentre lo scorso anno, nello stesso periodo di riferimento, la percentuale era pari al 15,72 del totale. Pertanto, ha rassicurato che non esiste nessuna situazione emergenziale e il lavoro compiuto sino ad oggi dall’Amministrazione unitamente a quello dell’INPS va sicuramente apprezzato. Gli stessi funzionari dell’INPS, presenti all’incontro, hanno affermato che dato il numero cospicuo di pratiche è stato fatto un lavoro quantitativamente migliore rispetto allo scorso anno. Allo stato attuale rimangono 4.580 richieste di pensione respinte e si arriverà a certificarne ancora 500/600. Permangono grosse problematiche di certificazione soprattutto nelle città di Roma e Milano dove rispettivamente ne rimangono da effettuare 500 e 400. Per risolvere tale problematica lo Snals e le altre OO.SS. hanno proposto di dar vita a tavoli provinciali costituiti da OO.SS., Patronati, INPS e AT al fine di valutare le singole situazioni che dovessero presentare criticità non ascrivibili al lavoratore. In particolare lo Snals ha proposto di prendere in considerazione l’ipotesi di una certificazione con riserva con possibilità di recupero di quanto accreditato indebitamente a seguito di successive e complete verifiche. L’Amministrazione si è riservata di portare la proposta all’attenzione del Ministro. Lo Snals e le altre OO.SS. presenti hanno espresso forti perplessità sui 4.580 dinieghi pervenuti dall’INPS ai diretti interessati per mancanza di requisiti, facendo rilevare che detta cifra verrebbe sottratta alle immissioni in ruolo e al tempo stesso precluderebbe la strada della pensione a molti colleghi. Infine lo Snals ha chiesto, con forza, al Capo di Gabinetto dott. Chinè il differimento della prescrizione per l’allineamento dei contributi previdenziali che tanta preoccupazione e ansia sta creando nei dipendenti. Il dott. Chinè si è impegnato, personalmente, a sottoporre al Ministro tale problematica e ha preso in considerazione l’eventualità di convocare quanto prima un ulteriore incontro per meglio analizzare la questione.

 

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

 

INFORMATIVA SULLE ISTRUZIONI OPERATIVE NOMINE

RUOLO DEL PERSONALE DOCENTE

 

Si è svolto in data odierna presso il MIUR il primo incontro per l’informativa sulle istruzioni operative relative alle nomine in ruolo del personale docente per l’a.s. 2018/2019. L’Amministrazione ha reso noto che la consistenza complessiva delle assunzioni in ruolo e delle ammissioni al terzo anno FIT realizzabili sarà determinata dal Ministero e sarà comunicata, a livello provinciale, agli Uffici scolastici periferici. Il contingente, che include anche i posti destinati alle assunzioni in ruolo nelle scuole speciali per minorati della vista e dell’udito, sarà calcolato su tutti i posti censiti dal sistema informativo e vacanti e disponibili dopo le operazioni di mobilità. Si provvederà a distribuire tale consistenza provinciale, compresi i posti di sostegno, tra i diversi ruoli, posti e classi di concorso fornendo agli Uffici il rispettivo numero massimo di assunzioni effettuabili. Per le assunzioni a tempo indeterminato le graduatorie saranno quelle relative ai concorsi per esami e titoli indetti con D.D.G. 23 febbraio 2016 n. 105, n. 106 e n. 107, compresi gli elenchi graduati di coloro che hanno raggiunto il punteggio minimo previsto dal bando, nonché quelle relative alle graduatorie ad esaurimento di cui all’art. 1, comma 605, lett. c) della legge 27 dicembre 2006, n.296. Per le ammissioni al terzo anno FIT le graduatorie valide saranno quelle relative al concorso per esami e titoli di cui al DDG 85/18 e pubblicate entro e non oltre il 31/8/2018.

Appena in possesso del testo definitivo delle istruzioni operative (Allegato A) ve ne daremo notizia pubblicandolo nel notiziario.

 

^=^=^=^=^=^=^=^=^=^=^

 

APE VOLONTARIA – NOTA DEL MIUR

La nota MIUR, preannunciata e tanto attesa, relativa alla presentazione della domanda di cessazione per coloro che hanno perfezionato i requisiti previsti per l’Ape Volontaria prima dell’inizio del nuovo anno scolastico è stata pubblicata in data odierna.

Si potrà presentare domanda di cessazione dal servizio con decorrenza 1 settembre 2018.

La domanda cartacea potrà essere presentata all’istituzione scolastica o all’USR di riferimento, rispettivamente, del personale docente o ATA e Dirigente Scolastico.

Nella domanda cartacea di cessazione l’interessato dichiarerà di essere in possesso dei requisiti previsti e che gli stessi sono stati perfezionati.

L’interessato potrà allegare copia della documentazione attestante quanto dichiarato.